Le macchine per il gelato non sono più uno strumento per pochi, anzi la diffusione dei modelli immessi sul mercato è in crescita costante anche grazie al fatto che la gelatiera permette un uso più diffuso ma anche più sano di un alimento come il gelato.
Spesso accusato in passato di essere troppo calorico e quindi da consumare con moderazione, si è andati via via modificando almeno in parte questa idea dal momento che sul mercato sono state immesse gelatiere domestiche le quali davano la possibilità di produrre un gelato “più leggero”, meno calorico e più sano dal momento che per produrlo si potevano utilizzare macchine nuove impiegando prodotti meno calorici e meno pesanti per la dieta.

Comprarne una però è una scelta che va ben valutata per evitare di acquistare qualcosa che poi non risponda alle esigenze dei componenti della famiglia. Perciò vi invitiamo a leggere i contenuti del sito www.macchinaperilgelato.it da cui potrete ricavare indicazioni utili da seguire per un acquisto che vi soddisferà.

Quando scegliete una gelatiera dovete tenere conto di alcuni elementi come le dimensioni più o meno ampie del cestello che si indica come la “capacità” di lavorazione dello stesso che detto altrimenti indica quanto gelato la macchina è in grado di produrre in un ciclo di lavorazione soprattutto quando si ha a che fare con gelatiere a manovella o ad accumulo, con cui non si possono eseguire più cicli di produzione in successione per la mancanza del sistema di autorefrigerazione integrato degli apparecchi. In media le gelatiere hanno una capacità in media dai 270 ml per i modelli base, fino ai 2 litri per quelli più avanzati e nuovi.

Alcune gelatiere economiche non indicano i chili di gelato che producono con un solo processo di produzione ma fanno riferimento alla capacità in litri del cestello. Quindi in genere la quantità di gelato che una gelatiera può produrre è circa la metà della capacità del cestello che se, dunque, porta al massimo 1 litro produrrà mezzo chilo di gelato.